spaghetti e misticanza

Che cosa è la misticanza?? Una cosa sopraffina!!! E’ una mescolanza (mescolanza=misticanza)  di erbe, un contorno tradizionale dell’antica cucina romana, ma che ancora oggi allieta le tavole. Certo non è facile trovarla ma nei mercati rionali, dai cosiddetti “vignaroli”, i campagnoli che portano in città le erbe delle loro campagne,  spesso si trova. Ma i più esperti sanno riconoscerla e coglierla nei prati romani dove cresce spontanea e rigogliosa. E’ composta da diversi tipi di insalatine come la borragine, il crespigno, l’erba san pietro, la cicorietta, la malva e tante altre erbe con nomi strani come la pimpinella, o la caccialepre… ma ve la faccio vedere:

 

Generalmente dopo aver passato una mezza mattinata in cucina a pulirla e lavarla  (un lavoraccio ma ne vale la pena) si può semplicemente condirla con  olio, aceto e sale oppure come ho fatto io ripassarla in padella con olio, aglio e peperoncino come come si fa nelle nostre case e nelle nostre osterie.
E siccome volevo provare la pasta KiliOff, quella dietetica, ne ho parlato qui, ci ho condito questi meravigliosi spaghetti:
Gli ingredienti per tre persone: 225 g. di spaghetti Kilioff, tanta bella misticanza, olio extra vergine di Oliva Dante, 2 spicchi d’aglio, peperoncino, una spolveratina di insaporitore Ariosto aglio e peperoncino.
Dopo aver pulito e lavato la verdura, l’ho fatta cuocere in acqua bollente salata, avendo cura di lasciarla un po’ al dente. L’ho scolata bene e l’ho fatta insaporire in una grande padella con olio, aglio a pezzetti, peperoncino e l’insaporitore Ariosto. L’ho scolata  e l’ho mantecata nella misticanza con un pochino di acqua di cottura.
E’ buonissima! Se si ha l’accortezza di non lasciar cuocere troppo la verdura allora si sentiranno distintamente i sapori di ogni erbetta. Se non si è a dieta stretta, si può aggiungere un po’ di pecorino grattugiato o della ricotta salata!
La pasta Kilioff  ha svolto in modo eccellente il suo compito, è una pasta con una cottura veloce, mantiene la cottura in modo egregio ed effettivamente dà un maggiore senso di sazietà. Studierò un nuovo condimento!

20 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.