panini tondi a gogò

Eccoli finalmente! Dopo tante e tante prove finalmente i miei panini tondi hanno visto la luce! Dopo varie volte in cui l’impasto duro, troppo compatto, l’aspetto esterno decisamente poco invogliante all’assaggio mi aveva depresso e resa quasi certa di non potercela fare, questa è stata la volta buona. Non me ne voglia il mio lievito madre visto che  volendo a tutti costi riuscire è stato lasciato in frigo, rinfrescato però come se una coccola in più potesse rabbonirlo e prepararlo per la prossima panificazione. Stavolta ho usato il normale lievito di birra e naturalmente la ricetta di Vittorio. Non ho usato latte o olio per l’impasto  ma solo acqua ed il risultato è stato molto soddisfacente, i panini sono venuti morbidi morbidi ed anche molto saporiti visto che alcuni li ho arricchiti di noci ed altri di olive.

Gli ingredienti: 100 g. di acqua, 400 g. di farina tipo 0, 1 bustina di lievito di birra, 2 cucchiaini di zucchero, 1 cucchiaino e mezzo di sale, 30 g. di burro, 2 albumi, 2 rossi d’uovo, olive verdi schiacciate Madama Oliva, gherigli di noce.
Piatto quadrato di palma Ecobioshopping
Nella ciotola della planetaria ho sciolto il lievito con un po’ di acqua tiepida, ho unito lo zucchero e ho cominciato a mescolare. Ho aggiunto i due albumi, poi il burro morbido e, sempre impastando, 300 g. di farina. Dopo che tutti gli ingredienti si sono amalgamati ho aggiunto il sale. Poi pian piano la restante farina e l’acqua tiepida. Ho continuato a mescolare fino a che l’impasto non ha cominciato a staccarsi dalle pareti della ciotola formando una palla.
A questo punto l’ho preso e  l’ho diviso in tre parti. Una l’ho lasciata nature nelle altre ho aggiunto le noci e le olive spezzettate. Ho messo la pasta in tre ciotole unte un po’ d’olio e ho lasciato lievitare coperto per circa 2 ore fino al raddoppio. A questo punto ho preso ogni impasto e  l’ho diviso in tanti pezzetti d circa 60 g. l’uno. Ho lavorato ognuno schiacciandolo e allargandolo con i pollici per poi rigirarlo su se stesso almeno due volte. Poi ho formato le palline che ho messo a lievitare, ben distanti tra loro, sulla leccarda ricoperta di carta forno. Ho coperto ed ho lasciato lievitare ancora una mezz’oretta. Ho spennellato la superficie dei panini, molto delicatamente per non compromettere la lievitazione, con il tuorlo d’uovo allungato con un po’ d’acqua.
Ho spruzzato le pareti del forno di acqua per creare la giusta umidità ed ho infornato per 20′ a 180°. 
Sono venuti benissimo finalmente!!!

Piatto quadrato di palma Ecobioshopping

28 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.